Italienische Buchhandlung in Berlin



giovedí 24 maggio ore 19.30 Presentazione L'ultimo angolo di mondo finito
(Galaad Edizioni,2017)
con l'autore Agnoloni Giovanni





2029. Internet è crollato da quasi quattro anni in Europa, e la crisi della comunicazione si è ormai estesa alla telefonia, mentre le principali città sono state gradualmente invase da ologrammi intelligenti, “cloni” immateriali in grado di orientare il comportamento delle persone. Negli Stati Uniti il sabotaggio della Rete ordito dal movimento degli Anonimi è fallito, e internet è rinato grazie a un progetto di copertura wireless mediante l’uso di droni. Sospese tra questi due grandi poli di eventi, si svolgono le vicende di Kasper Van der Maart, spintosi fino a New York sulle tracce della scrittrice Kristine Klemens, scomparsa nel nulla, e di quattro affiliati degli Anonimi impegnati nella ricerca delle fonti di misteriosi segnali elettromagnetici, possibili sorgenti di una nuova Rete europea: Emanuela, che esplora la Bosnia, Aurelio, che attraversa il Portogallo, e i fratelli Ahmed e Amina, spersi nel Sud Italia. Queste indagini incrociate porteranno alla luce sorprendenti verità nascoste, legate al contesto politico e tecnologico generale ma anche al passato dei protagonisti....

GIOVANNI AGNOLONI, (Firenze, 1976) è scrittore, traduttore e blogger. È autore dei romanzi Sentieri di notte (2012; pubblicato in spagnolo come Senderos de noche, El Barco Ebrio 2014, e in polacco come Ścieżki nocy, Serenissima 2016), Partita di anime (2014) e La casa degli anonimi (2014), L’ultimo angolo di mondo finito (2017), tutti editi da Galaad Edizioni. Ha inoltre pubblicato tre saggi imperniati sulle opere di J.R.R. Tolkien, ed è curatore di una raccolta internazionale di articoli sul tema. Ospite di residenze letterarie, festival e conferenze in Europa e Stati Uniti, ha tradotto libri di Jorge Mario Bergoglio, Amir Valle, Peter Straub e Noble Smith, e saggi su J.R.R. Tolkien e Roberto Bolaño, ed è un esponente del movimento letterario connettivista. Collabora con i blog La Poesia e lo Spirito, Lankenauta e Postpopuli. Il suo sito è https://giovanniagnoloni.com

ingresso libero
......

venerdí 25 maggio ore 19.30
Presentazione del libro “Una sottile linea bianca – dalle piazze di spaccio alla comunità di San Patrignano” (Giulio Perrone Editore – collana Nuove Onde,2018)
con
Angela Iantosca



Un viaggio nelle storie di chi ha fatto a lungo uso di sostanze stupefacenti, un viaggio nelle piazze di spaccio per provare a capire le radici di un male chiamato droga. E' 'Una sottile linea bianca - Dalle piazze di spaccio a San Patrignano', il nuovo saggio inchiesta della giornalista Angela Iantosca, in libreria a fine marzo.
Il volume, pubblicato da Giulio Perrone Editore nella collana Nuove Onde, racconta 15 storie di ragazzi che hanno vissuto in comunità mentre ricorre il 40/o anno di attività di San Patrignano, ma illustra anche le piazze di spaccio, le analisi dei medici, del Niguarda di Milano, dell'Istituto Superiore di Sanità, delle forze di polizia. "Appartengo ad una generazione che è cresciuta con la paura della droga - spiega l'autrice -. Quando ero alle scuole medie si organizzavano spesso convegni per informarci dei pericoli legati alle sostanze stupefacenti. Poi se n'è parlato sempre meno. Si è parlato di altro Si è parlato di altro. Ma la droga non ha smesso di farsi strada, di insinuarsi a scuola, nelle case, di 'colpire' ragazzi sempre più giovani, di presentarsi con la faccia dell'amico alla fine delle lezioni, di essere alla portata di tutti, in quartieri malfamati, ma anche nei quartieri bene delle città, in periferia e in centro". Quando è entrata nella comunità di San Patrignano la prima volta anni fa, l'autrice ha sentito la necessità di raccontare quelle migliaia di ragazzi che da quarant'anni vivono su quella collina, con le loro fragilità. "Storie di abbandono, di riscatto, di morte, di sofferenza, storie che raccontano il bisogno di colmare un vuoto", spiega.
La comunità di San Patrignano ha messo a disposizione della giornalista i dati raccolti nei 40 anni di attività, che permettono di analizzare cosa è accaduto negli ultimi decenni in Italia: come è cambiato il consumo, le nuove sostanze, le modalità di assunzione. La prefazione è di Antonio Nicaso, giornalista, professore universitario, esperto di mafia, autore di bestseller e di libri con il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri.


Angela Iantosca
Giornalista dal 2003, ha collaborato con diverse testate nazionali. Da gennaio 2017 è direttore della rivista Acqua&Sapone. Già inviata de “La Vita in Diretta” (RaiUno), ha pubblicato Onora la Madre – Storie di ’ndrangheta
al femminile (Rubbettino, 2013) e Bambini a metà – I figli della ’ndrangheta (Perrone, 2015), finalista del premio Piersanti Mattarella 2016 e vincitore del premio speciale Onlus Memoria nel Cuore. Nel 2017 ha pubblicato La Vittoria che nessuno sa – Storia di una donna nata nel corpo sbagliato (Sperling&Kupfer) e Voce del verbo corrompere (Maria Margherita Bulgarini).

 in collaborazione con Mafia? Nein Danke
****
29 maggio ore 20  Presentazione Gente di Berlino
con Amanda Greco - autrice- e Giulia Norcini - direzione editoriale della casa editrice www.ouverturedizioni.it



Fuggita dalla realtà del piccolo paese, dal malgoverno, dalla sua stessa inquietudine, la protagonista approda a Berlino e si ritrova a vivere con Theo, amico eccentrico, vegano e gay. Lei, 34 anni, piena d'ansie, legata a una visione logica delle cose, con l'urgenza di ordinare le idee, trovare punti di riferimento stabili. Lui, coetaneo, spirito ramingo e senza radici, con la spiccata inclinazione a stravolgere la realtà, rompendone i canoni, per infilarvi dentro le fioriture della sua mente fantasiosa e fermamente convinto che in casa dimori il fantasma di una prostituta uccisa, che odia il sesso e che fa fuggire tutti gli amanti che i protagonisti si portano a casa. I due vivono in un appartamento bohémien, decadente e misterioso, nel quartiere degli artisti, Kreuzberg, che si popola di gente stravagante, atipica, perlopiù attratta dall'energia carismatica di Theo: la gente di Berlino.
Data di pubblicazione: marzo 2018

Amanda Greco nasce e cresce in seno alla comunità di un piccolo paese del centro Italia.
Si laurea in Sociologia e si dedica alla scrittura lavorando come articolista per alcune testate giornalistiche locali. Nel 2011, dopo un viaggio del tutto casuale a Berlino, si orienta verso un cambiamento radicale di vita: lascia l’Italia e si trasferisce a Berlino

ingresso libero
****
sabato 2 giugno ore 16 Alice Cascherina : Teatro per bambini in italiano



Dove si sarà cacciata questa volta Alice?!!
Alice Cascherina è una bambina così curiosa
e dedicata a ciò che sta facendo da caderci letteralmente
dentr un libro, una sveglia, una bottiglia...
Alice vivrà avventure fantastiche entrando dentro oggetti e angoli insoliti della vita quotidiana.
Una serie di racconti brevi tratti da “LE FAVOLETTE DI ALICE” di Gianni Rodari.

Uno spettacolo che vuole valorizzare una preziosa qualità dell’ infanzia: la curiosità!

Federica è una cantastorie e attrice italiana. Dopo aver studiato recitazione a Roma, si trasferisce all’estero dove si avvicina alla pedagogia teatrale di Jacques Lecoq.
Grazie all’incontro con diversi maestri si appassiona al teatro degli oggetti e storytel
ling che sono ancora oggi i punti principali della sua ricerca
.
Nel 2017 si trasferisce a Berlino dove fonda una propria compagnia internazionale di teatro e collabora con Berlino Italia Improv”, associazione d’improvvisazione teatrale a Berlino


per bambini dai quattro anni in poi

TRAILER
durata: ca 35/ 40 minuti
Ingresso 5€
( gruppi a partire da 5 spettatori pagano solo 4€ a persona)
prenotazione consigliata: info@mondolibro.de
****
giovedí 7 giugno ore 19 Incontro con Nadia Terranova : Gli anni al contrario ( Einaudi 2015)

in collaborazione con Leggio 2018 la libreria invita all'incontro
con NADIA TERRANOVA, autrice di GLI ANNI AL CONTRARIO (Einaudi 2015).
Monderazione : Francesca Bravi



Il romanzo è la storia di un uomo ed una donna che si amano, ma sono incapaci di sopravvivere all'utopia di un mondo da salvare. Soprattutto sono incapaci di salvarsi. Erano gli anni Settanta. Anni al contrario.

PREMIO NARRATIVA BERGAMO 2017
PREMIO BAGUTTA OPERA PRIMA 2016
PREMIO VIADANA 2016 (ex aequo con Una storia quasi perfetta, di Maria Pia Veladiano)
PREMIO VIADANA GIOVANI 2016
PREMIO ADOTTA UN ESORDIENTE 2016
PREMIO BAGUTTA OPERA PRIMA 2016
PREMIO FIESOLE NARRATIVA UNDER 40 2015
PREMIO BRANCATI ZAFFERANA 2015 NARRATIVA
PREMIO GROTTE DELLA GURFA 2015


Nadia Terranova è nata a Messina, è laureata in filosofia, dottorata in storia moderna e vive a Roma. Collabora con diverse testate tra cui “IL – Idee e Lifestyle del Sole 24 ore”, “Internazionale” e “il Foglio”. È docente alla Scuola del libro di Roma. Ha pubblicato libri per ragazzi tra cui Bruno il bambino che imparò a volare (Orecchio acerbo, 2012, illustrazioni di Ofra Amit, premio Napoli, premio Laura Orvieto), dedicato alla vita dello scrittore ebreo polacco Bruno Schulz, e Le nuvole per terra (Einaudi Ragazzi, 2015), un racconto di formazione sentimentale per preadolescenti e genitori. Ha esordito nel romanzo nel 2015 con Gli anni al contrario, storia d’amore di due ragazzi tra il 1977 e il 1989, che ha vinto i premi Bagutta Opera Prima, Brancati, Fiesole, Grotte della Gurfa, definito da Roberto Saviano “Un racconto senza fondo, che stringe la schizofrenica storia italiana al pulsare dei sentimenti. Un racconto che mi ha legato a sé”.
Collabora con diverse riviste. È tradotta in Francia, Spagna, Messico, Polonia e Lituania.

https://nadiaterranova.com/

ingresso libero
***
sabato 9 luglio dalle 12 alle 18 mercatino libri usati
Markt der gebrauchte italienische Bücher
****
 anni 80 // parte prima
sabato 9 luglio ore 18 Presentazione Negazione - TUTTI PAZZI (7 pollici) RE Edition
 Incontro con Dario Adamic e Michele D'Alessio aKa Barox
Federica Matteoni ( Jungle world)

Nel 2017 con Dario Adamic della Goodwill records nasce l’idea, cooperando con i Official Negazione, di riproporre la ristampa di una delle pietre miliari del gruppo il 7 pollici Tutti Pazzi.
Per Adamic specializzato in ristampe di gruppi punk anni 80 é un prestigio avere nel catalogo questo 45 giri, mentre per Michele D Alessio, la riproposta del disco stampato 32 anni fa rappresenta più una sorta di filo conduttore musicale che lega il passato al presente rievocando quel anima punk che ancora a distanza di decenni infulisce sulle sue scelte musicali.Incontro con Dario Adamic e Michele D'Alessio aKa Barox
Federica Matteoni ( Jungle world)

Nel 2017 con Dario Adamic della Goodwill records nasce l’idea, cooperando con i Official Negazione, di riproporre la ristampa di una delle pietre miliari del gruppo il 7 pollici Tutti Pazzi.
Per Adamic specializzato in ristampe di gruppi punk anni 80 é un prestigio avere nel catalogo questo 45 giri, mentre per Michele D Alessio, la riproposta del disco stampato 32 anni fa rappresenta più una sorta di filo conduttore musicale che lega il passato al presente rievocando quel anima punk che ancora a distanza di decenni infulisce sulle sue scelte musicali.